Wiktenauer Compilations.png
Wiktenauer logo.png

Page:L’arte di ben maneggiare la spada (Francesco Fernando Alfieri) 1653.pdf/53

From Wiktenauer
Jump to: navigation, search
This page contains changes which are not marked for translation.

This page has been proofread, but needs to be validated.

re con le dovute cautele. Sarà il primo avertimento il procurare che la Finta non possa esser conosciuta. Per conseguir questo fine dobbiamo aspettare qualche movimento dell'inimico acciò possa credere, che da quel tempo preceda il colpo, e non dall'inganno della Finta, imporoche è certissimo che stando in quiete, può con più facilità osservare, e discoprire i disegni, e i pensieri, e valersene à suo benefizio. Dovrà essere ancora fatta la Finta nella parte più vicina alla Spada, che è men guardata, perche allora per la brevità dello spazio può facilmente ferire senza essere conosciuta, ed in ogni caso è gran sicurezza il credere, che il nemico non debba andare alla parata ma tirare nel tempo che si finge, con questa circospezione si metterà in diffesa pigliando quel partito che gli farà mostrato dalla botta. Colpiremo ancora senza riparo quando si distenderà talmente la Spada, che'l forte cominci à dominar la lama, non potendo esser ritenuta, nè cavata della sua linea, doppo d'essere tanto avanti penetrata. Si fanno ancora le Finte colla Spada, e col piede unitamente, queste son più difettose perche preso il tempo che il piede è per aria sara sempre posto dall'avversario in grandissimo