Wiktenauer Compilations.png
Wiktenauer logo.png

Page:L’arte di ben maneggiare la spada (Francesco Fernando Alfieri) 1653.pdf/89

From Wiktenauer
Jump to: navigation, search
This page contains changes which are not marked for translation.

This page has been proofread, but needs to be validated.

in guardia, tanto più che l'assalitore giunto al termine del ferire, deve piantarsi, e cercare'l tempo per dar la botta, e non precipitare. Quanto alla Spada, che nel moto si fa più debole questo è vero quando si para, ilche se difficil sia habbiamo di sopra dimostrato, e non è dibisogno il replicarlo, ma è forza ancora il confessare che sia molto più veloce, e arrivando la punta à quella distanza del corpo, che è eguale alla distanza della Spada, ò altr'arme nemica è irreparabile. Non parlo del cadere, perche il passo che si fà con arte, e con giudizio è sempre sicuro. All'argomento che si possa conoscere meglio il giuoco dico, che è tutto il contrario, perche quello che aspetta subbito si dichiara, ò Timido, ò Flemmatico, e l'assalitore, può con diversi inganni ricoprire i suoi artifizi, e investigare la natura, e l'intelligenza del nemico, e finalmente non hà commodo di pigliare il tempo nell'entrare in misura, perchè questo è'l fine dell'assalitore nèmeno, può scanzare i colpi col prevederli, Son più le vie che son aperte al ferire, e tutte queste possono essere tentate dall'assalitore, che è libero non da quello che aspetta per essersi posto in soggezione, cosi concludo,