Wiktenauer logo.png

Page:Pisani-Dossi MS 13a.jpg

From Wiktenauer
Jump to: navigation, search
This page contains changes which are not marked for translation.

This page has been proofread, but needs to be validated.

Noy colpi meçani andamo trauersando;
Dal zenochio in su andamo guastando;
E rebatemo le punte fora de strada
E redopiando lo colpo de ferir è derada;
E si noy del meçano colpo intramo in fendent, .
Asay cum tali colpi guastamo zent.

Ponte semo de grandissima offensione
E a tuti colpi façemo questione;
Venenose semo più che serpente
E più che tuti colpi alczidemo zente;
E noy ponte a li colpi si disemo:
Tanto no taiaret che noy cusiremo.

Per lançare de spada e trare tayo e punta
Per la guardia che io ho niente me monta.
Vegna a uno a uno chi contra uole far,
Chè cum tuti io uoio contrastar.
E chi uole uedere couerte e ferire,
Tor de spada e ligadure senza falire,
Guardi ghi mie scolari corno san fare;
Se elli non trouan contrario non àno pare.

Cum passo ò fata couerta cum mia spada
E aquella in lo peto subito t'è intrada.