Wiktenauer logo.png

Difference between revisions of "Capitolo di M. Mercvrio Spetioli da Fermo (Mercurio Spezioli)"

From Wiktenauer
Jump to navigation Jump to search
 
(10 intermediate revisions by 2 users not shown)
Line 37: Line 37:
 
''Capitolo di M. Mercvrio Spetioli da Fermo'' was published in Bologna in 1577 by Giovanni Rossi.
 
''Capitolo di M. Mercvrio Spetioli da Fermo'' was published in Bologna in 1577 by Giovanni Rossi.
  
== Treatise ==
+
== Contents ==
 
 
 
 
{{master begin
 
| title = Treatise
 
| width = 60em
 
}}
 
{| class="floated master"
 
|-
 
! <p>Translation</p>
 
! <p>Transcription<br/>by [[User:Stefan_Feichtinger]]</p>
 
 
 
|-
 
|
 
| <p>[p. 1]<br/>CAPITOLO<br/>
 
DI M. MERCVRIO<br/>
 
SPETIOLI DA FERMO,<br/>
 
Nel quale si mostra il modo di saper bene<br/>
 
Schermire, & Caualcare.<br/>
 
All’ Illustriß.mo et Eccellentiß.mo S.GIACOBO<br/>
 
BONCAMPAGNO Marchese di<br/>
 
Vignola, et Generale<br/>
 
Gouernatore di<br/>
 
S.Chiesa.<br/>
 
IN BOLOGNA.<br/>
 
Per Giouanni Rossi MDLXXVII.<br/>
 
Con licentia de’ Superiori.</p>
 
 
 
|-
 
|
 
| <p>ILLUSTRISS. ET ECCELLENTISS.<br/>
 
Signore, & Padron mio sempre<br/>
 
Colendissimo.<br/>
 
<br/>
 
ESSENDO io in Perugia già dui anni sono, doue era
 
anco M. Mercurio Spetiolo F. M. mio amicissimo
 
egli compose il seguente Capitolo, del modo di
 
Schermire, & Caualcare, & auanti ch’io mi partissi
 
di là hauendolo à pena finito, mi fauorì di darmene
 
copia; hora essendo piaciuto à N. S. Dio chiamarlo à
 
sè hò giudicato ben fatto di publicare al mondo
 
questa sua fatica, si per benefitio di chi si diletta di
 
tali Virtù, si anco per mantener viuo in quella parte
 
che posso il nome di cosi Virtuoso, & caro amico. Et
 
perche egli da quel tempo in quà è vissuto al seruitio
 
di V. S. Illustriss. & Eccellentis. esercitando le
 
sudette Virtù à lei m’è parso conueniente il
 
presentarlo, & con questa occasione farle anco dono
 
di me stesso, assicurandomi che si come il mare
 
amplissimo d’acque non sisdegna accettar nel suo
 
seno ogni Fiumicello per piccolo che sia, cosi lei nõ
 
sdegnarà me per suo humiliss. Seruo ne hauerà
 
discaro ch’io riuerente ammiri, & osserui le tante, &
 
supreme Virtù, & doni di che l’hà ornata il Cielo,
 
con che cõ ogni riuerenza le bascio le mani,
 
pregando N. S. Dio che le conceda ogni felicità.<br/>
 
Di V. S. Illustriss. & Eccellentiss.<br/>
 
Humiliss. Ser.<br/>
 
Pietr’Antonio Cattaldi.</p>
 
 
 
|-
 
|
 
| <p>C A P I T O L O<br/>
 
DI SCHERMIRE, ET CAVALCARE.<br/><br/>
 
SIGNOR mio car la subita partita,<br/>
 
Ch’hauete fatta qui da San Marino;<br/>
 
Hà tutta trauagliata la mia vita.<br/>
 
Tal ch’io rimaso son qual pouerino,<br/>
 
Che per l’amor di Dio và domandando,<br/>
 
A questa Porta, e à quella il Pane, e’l Vino.<br/>
 
Donde col mio pensier tanto girando<br/>
 
Son capitato al Fonte d’Helicona.<br/>
 
Doue le Muse al fin m’han tolto il brando.<br/>
 
E ciascuna m’ha preso per la chioma,<br/>
 
Et detto m’hanno ci voglian chiarire<br/>
 
Se la tua arte d’arme è trista, ò buona:<br/>
 
Non sperar mai di qui poter partire,<br/>
 
Se prima non ci fai chiaro, et aperto,<br/>
 
In che consista l’arte del Scrimire;<br/>
 
Ma se ciò tu farai, noi à te per merto<br/>
 
Ti concediam, che poßi à spasso andare<br/>
 
Per ogni nostro luogo, ò in piano, ò in erto;<br/>
 
Senza Gabella alcuna mai pagare,<br/>
 
E vogliam ch’ogni cosa che dirai:<br/>
 
Non l’habbia alcun de nostri à sindicare.<br/>
 
''A 2 A tal''</p>
 
 
 
|-
 
|
 
| <p>A tal che ‘tra me stesso guidicai<br/>
 
Che meglio era per mè d’ vscir d’impaccio<br/>
 
Ond’in cotal parole incominciai<br/>
 
Muse gentil poi che in ciò vi compiaccio<br/>
 
Sedete qui d’intorno in queste’herbette<br/>
 
Mentre io da Marte il fauor mi procaccio<br/>
 
Pregate anco voi Apollo ch’interdette<br/>
 
Non mi sian le parol potere vsare<br/>
 
Come verran, ò sian turbide, ò nette<br/>
 
Quel ch’io vo dire,ogn’vn habbia à notare,<br/>
 
Che questo d’arme nobile esercitio,<br/>
 
Sol per due cose al mondo si dee fare;<br/>
 
Una sia per honor, et non vitio,<br/>
 
Per vtil l’altra, dal prima deriua<br/>
 
La gloria, et l’altra à ogn’vn fà più seruitio.<br/>
 
Questo da prima, ch’in Roma fioriua,<br/>
 
Mestier di guerra, ch’ognuno imparaua<br/>
 
Quel ch’ad buon soldato conueniua.<br/>
 
Offender, et difender lo chiamaua,<br/>
 
Ma l’vn far senza l’altro non è buono;<br/>
 
Però chi più lo fea più dominaua.<br/>
 
Hora per imparar queste, che sono<br/>
 
Di tanto giouamento, si richiede<br/>
 
Quattro cose, ma pria che’l cuor sia buono<br/>
 
Iudicio, buon occhio, man, et buon piede,<br/>
 
Et far che l’occhio al giuditio obedisca,<br/>
 
La man pò all’occhio, et alla man po' il piede:<br/>
 
''Cosi''</p>
 
 
 
|-
 
|
 
| <p>Cosi facendo, non fia chi fallisca,<br/>
 
Et non fallendo, non potrà giamai<br/>
 
Dar tempo al suo nemico, che’l ferisca.<br/>
 
Hora di tutte l’arme intenderai,<br/>
 
La sustantia con che si suol ferire<br/>
 
Cioè taglio, falso, e punta, se nol sai.<br/>
 
Il taglio esser la parte si suol dire<br/>
 
De l’armi che sta volta verso i nodi<br/>
 
Del mezzo delle dita à non mentire.<br/>
 
Il falso è quella parte, che in più modi<br/>
 
In vano si ferisce, et stà riposta<br/>
 
Tra’l police, e tra l’indice più sodi.<br/>
 
La punta sempre in cima stà nascosta<br/>
 
Con che l’huomo dee far solo l’offesa<br/>
 
O sia la vita appreßo, ò sia discosta.<br/>
 
Col taglio, e il falso si fa la difesa,<br/>
 
Col taglio dalle parti più soprane,<br/>
 
Col falso quando fan le botte scesa.<br/>
 
E per non dir qualche parole vane<br/>
 
Solo in dui lati si potrà ferire<br/>
 
Di dritto, e di rouerso d’ambe mane.<br/>
 
Eßer di dritto quello si dee dire<br/>
 
Che suol principiar dal destro lato<br/>
 
Di chi lo fà non importa il finire.<br/>
 
Il ferir di rouerso muta stato<br/>
 
Principiando sempre da man manca<br/>
 
Di chi lo fa, ma tante d’ogni lato.<br/>
 
''Botte''</p>
 
 
 
|-
 
|
 
| <p>Botte si fan, che di nulla non manca<br/>
 
Con punta, taglio, et con il falso ancora<br/>
 
Con la man destra, ò sia con la man manca.<br/>
 
Il di dritto ferir vò dirui hor hora<br/>
 
Offender anco di dentro si chiama<br/>
 
Quel di rouerso l’offender di fuora.<br/>
 
Hor do principio all’honorata trama<br/>
 
Dicendo che col taglio si pon fare<br/>
 
Dodici botte, et che queste si chiama.<br/>
 
Man dritto, sbiaßio, et dee principiare<br/>
 
Dell’auuersario nella spalla stanca<br/>
 
Et al ginocchio dritto terminare<br/>
 
Man dritto tondo pur dalla man manca<br/>
 
Và del nimico, et finisce alla dritta<br/>
 
Spalla di quello; vn’altro ce ne manca<br/>
 
Dritto fendente, che vien da man dritta<br/>
 
Per mezzo della testa, et tra li piedi<br/>
 
Dello nemico vien per linea dritta.<br/>
 
Montan di dritto sbiaßio nascer vedi<br/>
 
Dell’auuersario dal ginocchio stanco<br/>
 
Montando poi la parte dritta fiede<br/>
 
Vn’altro ve n’è poi che si dice anco<br/>
 
Montan dritto fendente, qual si fa<br/>
 
Pur da man destra, et l’vno et l’altro fianco,<br/>
 
Da i piè venendo alla testa sen, và<br/>
 
Poi il tramazzon di dritto si suol fare<br/>
 
Attendete hora qui come si fa<br/>
 
''Di man''</p>
 
 
 
|-
 
|
 
| <p>Di man dritto fendente suol calare<br/>
 
Verso la terra, et poi di falso in su<br/>
 
Di rouerso di sbiascio, et poi à mancare.<br/>
 
Vien di rouerso sbiascio verso in giù<br/>
 
Mirate ben perche quest’è migliore<br/>
 
Dell’altre botte, et anco è vtil più.<br/>
 
Hor vò veder se ponto mi da il cuore<br/>
 
Di dir l’altre sei botte di riuerso<br/>
 
Che dal contrario vien dentro, il di fuore<br/>
 
Et si fa pur di sbiaßio vno rouerso<br/>
 
Che dalla dritta spalla del nemico<br/>
 
Principia, et và verso il ginocchio aduerso.<br/>
 
Si fa vn rouerso tondo il qual vi dico<br/>
 
Che da man dritta suol principiare<br/>
 
Terminando à man manca, et poi ridico<br/>
 
Che chi il rouerso fendente vuol fare,<br/>
 
Per mezzo della testa al dritto stile;<br/>
 
Ma pur di fuor conuien principiare,<br/>
 
Se non che l’vno, e l’altro del simile<br/>
 
Terrian nel far, ne differenza alcuna<br/>
 
Saria tra lor, fan moto consimile.<br/>
 
Montan rouerso sbiaßio vien da l’vna<br/>
 
Delle dritte ginocchia del contrario<br/>
 
Salendo à parte stanca in ver la Luna.<br/>
 
Montan fendente di fuor poco, e vario:<br/>
 
Perche comincia baßo, et poi và dritto,<br/>
 
Per mezz’il viso del contr’aduersario<br/>
 
''Il''</p>
 
 
 
|-
 
|
 
| <p></p>
 
 
 
|-
 
|
 
| <p></p>
 
 
 
|-
 
|
 
| <p></p>
 
 
 
|-
 
|
 
| <p></p>
 
 
 
|-
 
|
 
| <p></p>
 
 
 
|-
 
|
 
| <p></p>
 
 
 
|-
 
|
 
| <p></p>
 
 
 
|-
 
|
 
| <p></p>
 
 
 
|-
 
|
 
| <p></p>
 
 
 
|-
 
|
 
| <p></p>
 
 
 
|-
 
|
 
| <p></p>
 
 
 
|-
 
|
 
| <p></p>
 
 
 
|-
 
|
 
| <p></p>
 
 
 
|-
 
|
 
| <p></p>
 
 
 
|-
 
|
 
| <p></p>
 
 
 
|-
 
|
 
| <p></p>
 
 
 
|-
 
|
 
| <p></p>
 
 
 
|}
 
{{master end}}
 
 
 
{{master begin
 
  | title = Copyright and License Summary
 
  | width = 60%
 
}}
 
For further information, including transcription and translation notes, see the [[Talk:{{PAGENAME}}|discussion page]].
 
 
 
<section begin="sourcebox"/>{{sourcebox header}}
 
{{sourcebox
 
| work        = Images
 
| authors    =
 
| source link =
 
| source title=
 
| license    =
 
}}
 
{{sourcebox
 
| work        = Translation
 
| authors    =
 
| source link =
 
| source title= Wiktenauer
 
| license    =
 
}}
 
{{sourcebox
 
| work        = Transcription
 
| authors    = [[User:Stefan_Feichtinger]]
 
| source link =
 
| source title=
 
| license    = default
 
}}
 
{{sourcebox footer}}<section end="sourcebox"/>
 
{{master end}}
 
  
 
== Gallery ==
 
== Gallery ==
Line 376: Line 65:
 
{{sourcebox
 
{{sourcebox
 
  | work        = Transcription
 
  | work        = Transcription
  | authors    =  
+
  | authors    = [[user:Stefan Feichtinger|Stefan Feichtinger]]
 
  | source link =  
 
  | source link =  
 
  | source title= [[Index:Capitolo di M. Mercvrio Spetioli da Fermo (Mercurio Spezioli) 1577.pdf|Index:Capitolo di M. Mercvrio Spetioli da Fermo (Mercurio Spezioli)]]
 
  | source title= [[Index:Capitolo di M. Mercvrio Spetioli da Fermo (Mercurio Spezioli) 1577.pdf|Index:Capitolo di M. Mercvrio Spetioli da Fermo (Mercurio Spezioli)]]

Latest revision as of 23:28, 24 August 2020

Capitolo di M. Mercvrio Spetioli da Fermo
Chapter by Mr. Mercurio Spetioli of Fermo
Capitolo di M. Mercvrio Spetioli da Fermo.jpg
Full title Capitolo di M. Mercvrio Spetioli da Fermo, nel quale si mostra il modo di saper bene schermire, & caualcare
Author(s) Mercurio Spezioli
Dedicated to Giacobo Boncomagno, Marquis of Vignola
Place of origin Bologna, Italy
Language Italian
Genre(s) Fencing manual
Publisher Giovanni Rossi
Publication date 1577
Pages 24
Treatise scans Digital scans (1577)

Capitolo di M. Mercvrio Spetioli da Fermo, nel quale si mostra il modo di saper bene schermire, & caualcare ("Chapter by Mr. Mercurio Spetioli of Fermo, which demonstrates the method of learning to fence well, and ride") is an Italian fencing manual written by Mercurio Spezioli and published in 1577. It treats the use of the side sword, both single and with secondary weapons, after the Bolognese fashion.

Publication History

Capitolo di M. Mercvrio Spetioli da Fermo was published in Bologna in 1577 by Giovanni Rossi.

Contents

Gallery

[Images available for import.]

Additional Resources

References

Copyright and License Summary

For further information, including transcription and translation notes, see the discussion page.

Work Author(s) Source License
Images Capitolo di M. Mercvrio Spetioli da Fermo
Public Domain.png
Transcription Stefan Feichtinger Index:Capitolo di M. Mercvrio Spetioli da Fermo (Mercurio Spezioli)
CCBYSA30.png