Wiktenauer logo.png

Difference between revisions of "Capitolo di M. Mercvrio Spetioli da Fermo (Mercurio Spezioli)"

From Wiktenauer
Jump to navigation Jump to search
 
(4 intermediate revisions by 2 users not shown)
Line 37: Line 37:
 
''Capitolo di M. Mercvrio Spetioli da Fermo'' was published in Bologna in 1577 by Giovanni Rossi.
 
''Capitolo di M. Mercvrio Spetioli da Fermo'' was published in Bologna in 1577 by Giovanni Rossi.
  
== Treatise ==
+
== Contents ==
 
 
 
 
{{master begin
 
| title = Treatise
 
| width = 60em
 
}}
 
{| class="floated master"
 
|-
 
! <p>Translation</p>
 
! <p>Transcription<br/>by [[User:Stefan_Feichtinger]]</p>
 
 
 
|-
 
|
 
| <p>[p. 1]<br/>CAPITOLO<br/>
 
DI M. MERCVRIO<br/>
 
SPETIOLI DA FERMO,<br/>
 
Nel quale si mostra il modo di saper bene<br/>
 
Schermire, & Caualcare.<br/>
 
All’ Illustriß.mo et Eccellentiß.mo S.GIACOBO<br/>
 
BONCAMPAGNO Marchese di<br/>
 
Vignola, et Generale<br/>
 
Gouernatore di<br/>
 
S.Chiesa.<br/>
 
IN BOLOGNA.<br/>
 
Per Giouanni Rossi MDLXXVII.<br/>
 
Con licentia de’ Superiori.</p>
 
 
 
|-
 
|
 
| <p>[p. 2]<br/>ILLUSTRISS. ET ECCELLENTISS.<br/>
 
Signore, & Padron mio sempre<br/>
 
Colendissimo.<br/>
 
<br/>
 
ESSENDO io in Perugia già dui anni sono, doue era
 
anco M. Mercurio Spetiolo F. M. mio amicissimo
 
egli compose il seguente Capitolo, del modo di
 
Schermire, & Caualcare, & auanti ch’io mi partissi
 
di là hauendolo à pena finito, mi fauorì di darmene
 
copia; hora essendo piaciuto à N. S. Dio chiamarlo à
 
sè hò giudicato ben fatto di publicare al mondo
 
questa sua fatica, si per benefitio di chi si diletta di
 
tali Virtù, si anco per mantener viuo in quella parte
 
che posso il nome di cosi Virtuoso, & caro amico. Et
 
perche egli da quel tempo in quà è vissuto al seruitio
 
di V. S. Illustriss. & Eccellentis. esercitando le
 
sudette Virtù à lei m’è parso conueniente il
 
presentarlo, & con questa occasione farle anco dono
 
di me stesso, assicurandomi che si come il mare
 
amplissimo d’acque non sisdegna accettar nel suo
 
seno ogni Fiumicello per piccolo che sia, cosi lei nõ
 
sdegnarà me per suo humiliss. Seruo ne hauerà
 
discaro ch’io riuerente ammiri, & osserui le tante, &
 
supreme Virtù, & doni di che l’hà ornata il Cielo,
 
con che cõ ogni riuerenza le bascio le mani,
 
pregando N. S. Dio che le conceda ogni felicità.<br/>
 
Di V. S. Illustriss. & Eccellentiss.<br/>
 
Humiliss. Ser.<br/>
 
Pietr’Antonio Cattaldi.</p>
 
 
 
|-
 
|
 
| <p>[p. 3]<br/>C A P I T O L O<br/>
 
DI SCHERMIRE, ET CAVALCARE.<br/><br/>
 
SIGNOR mio car la subita partita,<br/>
 
Ch’hauete fatta qui da San Marino;<br/>
 
Hà tutta trauagliata la mia vita.<br/>
 
Tal ch’io rimaso son qual pouerino,<br/>
 
Che per l’amor di Dio và domandando,<br/>
 
A questa Porta, e à quella il Pane, e’l Vino.<br/>
 
Donde col mio pensier tanto girando<br/>
 
Son capitato al Fonte d’Helicona.<br/>
 
Doue le Muse al fin m’han tolto il brando.<br/>
 
E ciascuna m’ha preso per la chioma,<br/>
 
Et detto m’hanno ci voglian chiarire<br/>
 
Se la tua arte d’arme è trista, ò buona:<br/>
 
Non sperar mai di qui poter partire,<br/>
 
Se prima non ci fai chiaro, et aperto,<br/>
 
In che consista l’arte del Scrimire;<br/>
 
Ma se ciò tu farai, noi à te per merto<br/>
 
Ti concediam, che poßi à spasso andare<br/>
 
Per ogni nostro luogo, ò in piano, ò in erto;<br/>
 
Senza Gabella alcuna mai pagare,<br/>
 
E vogliam ch’ogni cosa che dirai:<br/>
 
Non l’habbia alcun de nostri à sindicare.<br/>
 
''A 2 A tal''</p>
 
 
 
|-
 
|
 
| <p>[p. 4]<br/>A tal che ‘tra me stesso guidicai<br/>
 
Che meglio era per mè d’ vscir d’impaccio<br/>
 
Ond’in cotal parole incominciai<br/>
 
Muse gentil poi che in ciò vi compiaccio<br/>
 
Sedete qui d’intorno in queste’herbette<br/>
 
Mentre io da Marte il fauor mi procaccio<br/>
 
Pregate anco voi Apollo ch’interdette<br/>
 
Non mi sian le parol potere vsare<br/>
 
Come verran, ò sian turbide, ò nette<br/>
 
Quel ch’io vo dire,ogn’vn habbia à notare,<br/>
 
Che questo d’arme nobile esercitio,<br/>
 
Sol per due cose al mondo si dee fare;<br/>
 
Una sia per honor, et non vitio,<br/>
 
Per vtil l’altra, dal prima deriua<br/>
 
La gloria, et l’altra à ogn’vn fà più seruitio.<br/>
 
Questo da prima, ch’in Roma fioriua,<br/>
 
Mestier di guerra, ch’ognuno imparaua<br/>
 
Quel ch’ad buon soldato conueniua.<br/>
 
Offender, et difender lo chiamaua,<br/>
 
Ma l’vn far senza l’altro non è buono;<br/>
 
Però chi più lo fea più dominaua.<br/>
 
Hora per imparar queste, che sono<br/>
 
Di tanto giouamento, si richiede<br/>
 
Quattro cose, ma pria che’l cuor sia buono<br/>
 
Iudicio, buon occhio, man, et buon piede,<br/>
 
Et far che l’occhio al giuditio obedisca,<br/>
 
La man pò all’occhio, et alla man po' il piede:<br/>
 
''Cosi''</p>
 
 
 
|-
 
|
 
| <p>[p. 5]<br/>Cosi facendo, non fia chi fallisca,<br/>
 
Et non fallendo, non potrà giamai<br/>
 
Dar tempo al suo nemico, che’l ferisca.<br/>
 
Hora di tutte l’arme intenderai,<br/>
 
La sustantia con che si suol ferire<br/>
 
Cioè taglio, falso, e punta, se nol sai.<br/>
 
Il taglio esser la parte si suol dire<br/>
 
De l’armi che sta volta verso i nodi<br/>
 
Del mezzo delle dita à non mentire.<br/>
 
Il falso è quella parte, che in più modi<br/>
 
In vano si ferisce, et stà riposta<br/>
 
Tra’l police, e tra l’indice più sodi.<br/>
 
La punta sempre in cima stà nascosta<br/>
 
Con che l’huomo dee far solo l’offesa<br/>
 
O sia la vita appreßo, ò sia discosta.<br/>
 
Col taglio, e il falso si fa la difesa,<br/>
 
Col taglio dalle parti più soprane,<br/>
 
Col falso quando fan le botte scesa.<br/>
 
E per non dir qualche parole vane<br/>
 
Solo in dui lati si potrà ferire<br/>
 
Di dritto, e di rouerso d’ambe mane.<br/>
 
Eßer di dritto quello si dee dire<br/>
 
Che suol principiar dal destro lato<br/>
 
Di chi lo fà non importa il finire.<br/>
 
Il ferir di rouerso muta stato<br/>
 
Principiando sempre da man manca<br/>
 
Di chi lo fa, ma tante d’ogni lato.<br/>
 
''Botte''</p>
 
 
 
|-
 
|
 
| <p>[p. 6]<br/>Botte si fan, che di nulla non manca<br/>
 
Con punta, taglio, et con il falso ancora<br/>
 
Con la man destra, ò sia con la man manca.<br/>
 
Il di dritto ferir vò dirui hor hora<br/>
 
Offender anco di dentro si chiama<br/>
 
Quel di rouerso l’offender di fuora.<br/>
 
Hor do principio all’honorata trama<br/>
 
Dicendo che col taglio si pon fare<br/>
 
Dodici botte, et che queste si chiama.<br/>
 
Man dritto, sbiaßio, et dee principiare<br/>
 
Dell’auuersario nella spalla stanca<br/>
 
Et al ginocchio dritto terminare<br/>
 
Man dritto tondo pur dalla man manca<br/>
 
Và del nimico, et finisce alla dritta<br/>
 
Spalla di quello; vn’altro ce ne manca<br/>
 
Dritto fendente, che vien da man dritta<br/>
 
Per mezzo della testa, et tra li piedi<br/>
 
Dello nemico vien per linea dritta.<br/>
 
Montan di dritto sbiaßio nascer vedi<br/>
 
Dell’auuersario dal ginocchio stanco<br/>
 
Montando poi la parte dritta fiede<br/>
 
Vn’altro ve n’è poi che si dice anco<br/>
 
Montan dritto fendente, qual si fa<br/>
 
Pur da man destra, et l’vno et l’altro fianco,<br/>
 
Da i piè venendo alla testa sen, và<br/>
 
Poi il tramazzon di dritto si suol fare<br/>
 
Attendete hora qui come si fa<br/>
 
''Di man''</p>
 
 
 
|-
 
|
 
| <p>[p. 7]<br/>Di man dritto fendente suol calare<br/>
 
Verso la terra, et poi di falso in su<br/>
 
Di rouerso di sbiascio, et poi à mancare.<br/>
 
Vien di rouerso sbiascio verso in giù<br/>
 
Mirate ben perche quest’è migliore<br/>
 
Dell’altre botte, et anco è vtil più.<br/>
 
Hor vò veder se ponto mi da il cuore<br/>
 
Di dir l’altre sei botte di riuerso<br/>
 
Che dal contrario vien dentro, il di fuore<br/>
 
Et si fa pur di sbiaßio vno rouerso<br/>
 
Che dalla dritta spalla del nemico<br/>
 
Principia, et và verso il ginocchio aduerso.<br/>
 
Si fa vn rouerso tondo il qual vi dico<br/>
 
Che da man dritta suol principiare<br/>
 
Terminando à man manca, et poi ridico<br/>
 
Che chi il rouerso fendente vuol fare,<br/>
 
Per mezzo della testa al dritto stile;<br/>
 
Ma pur di fuor conuien principiare,<br/>
 
Se non che l’vno, e l’altro del simile<br/>
 
Terrian nel far, ne differenza alcuna<br/>
 
Saria tra lor, fan moto consimile.<br/>
 
Montan rouerso sbiaßio vien da l’vna<br/>
 
Delle dritte ginocchia del contrario<br/>
 
Salendo à parte stanca in ver la Luna.<br/>
 
Montan fendente di fuor poco, e vario:<br/>
 
Perche comincia baßo, et poi và dritto,<br/>
 
Per mezz’il viso del contr’aduersario<br/>
 
''Il''</p>
 
 
 
|-
 
|
 
| <p>[p. 8]<br/>Il tramazzon riuerso se ben scritto<br/>
 
Et fatto meglio poi sarà con l’arte<br/>
 
Col tempo l’un, e l’altro fan profitto.<br/>
 
Col taglio retto calasi alla parte<br/>
 
Vicina al piede, et poi di falso dritto<br/>
 
Sbiassio si monta, alla pur dritta parte<br/>
 
Facendo anco di sbiassio il suo man dritto<br/>
 
E perche questi ancor siano migliori<br/>
 
Voltisi il pugno, et lo braccio stia fitto.<br/>
 
Con questi si di dentro, et si di fuori<br/>
 
Se ne piglia il vantaggio dal qual poi<br/>
 
eNe vien gran frutti, se questi son fiori.<br/>
 
Dunque sonore Muse pare à voi.<br/>
 
Ch’habbiamo satisfatto alla proposta<br/>
 
Che dal principio fù già fatta a noi.<br/>
 
Et che gir ne possiamo à nostra posta<br/>
 
A ritrouar colei dal ner vestito<br/>
 
Qual tanto tempo ci è stata discosta<br/>
 
Calliopè posesi alla bocca il dito<br/>
 
Et diße poi à Tersicore, e à Thalia<br/>
 
O sian burlate, ò costui è stordito<br/>
 
Non si ricorda nella nella diceria<br/>
 
Fattaci’pria hauerci nominate<br/>
 
Il taglio, e’l falso con la punta ria.<br/>
 
Ond’io perdon chiedendo ingenochiato<br/>
 
Dißi che questo procedea da Amore<br/>
 
Che sol pensando in lui m’era scordato:<br/>
 
''Et''</p>
 
 
 
|-
 
|
 
| <p>[p. 9]<br/>Et volendo allegar per autore<br/>
 
Della sacra scrittura quel bel paßo<br/>
 
Che mal si serue à piu d’vno Signore;<br/>
 
Dissero in bisbiglio con tuon baßo<br/>
 
Perdoniamo à costui con patto tale<br/>
 
Ch’egli ritorni al derelitto paßo,<br/>
 
Et che per penitenza di tal male<br/>
 
Creanza vsata, con gran giuramento<br/>
 
Lo facciamo obbligar in modo tale;<br/>
 
Che per l’adietro egli ogni auuertimento<br/>
 
Che sia importante in questa nobil arte<br/>
 
Farci in verso palese sia contento.<br/>
 
Tal ch’io piangendo trattomi da parte<br/>
 
Ne sapendo rimedio alcun pigliare<br/>
 
Sol mi ricomandauo allo Dio Marte.<br/>
 
Pregandol che mi fesse perdonare<br/>
 
(Promettendo per me) l’error commeßo<br/>
 
Che quanto à lor piacea volea oßeruare<br/>
 
Ond’egli vscito da quel cauo fesso<br/>
 
Della fucina del fabro Vulcano<br/>
 
Venere hauendo, et Cupido con esso.<br/>
 
Tutti tre mi pigliarono per mano<br/>
 
Et mi condußer doue eran le Muse<br/>
 
Al dolce mormorio suaue, et piano.<br/>
 
Allegando per me debite scuse<br/>
 
Venere bella, et suo figliuol Cupido<br/>
 
Restanodo tutte intente a bocche chiuse<br/>
 
''B Dicen-''</p>
 
 
 
|-
 
|
 
| <p>[p. 10]<br/>Dicendo questo è quel seruo sì fido<br/>Del caro amante mio qual già molt’anni
 
L’hà seguitato per monte, et per lido.<br/>
 
Et s’io col mio figliuolo i primi vanni<br/>
 
Non li tarpauo già saria salito<br/>
 
Per l’opre sue vicino à gl’alti scanni.<br/>
 
Per le cui questo fatto tanto ardito<br/>
 
Voluto hà contrastar con mio figliolo<br/>
 
Per cinque lustri, e il sesto non finito.<br/>
 
Oprando l’arte di difesa solo<br/>
 
In tempo tal, et si saria difeso<br/>
 
Ancor di più, ond’io sdegnata il volo.<br/>
 
Feci drizzar à i dolci cigni, et teso<br/>
 
Ch’io gl’hebbi de capelli vn laccio carco<br/>
 
Mi ritirai, et viddi star sospeso<br/>
 
Cupido in man tenendo i Strali, e l’Arco<br/>
 
Fingendo di ferirlo hor alto, hor baßo<br/>
 
Hor dentro, hor fuor, ne mai trouaua il varco.<br/>
 
Perche costui s’era fermo con paßo<br/>
 
Non longo, o largo, et solo intento staua<br/>
 
Di non errar, et s’enpigliaua [s]passo.<br/>
 
Hor mentre il mio figliuol tondo il giraua<br/>
 
Et questo sol girando vn de suoi piedi<br/>
 
Diede nel laccio che nascosto staua.<br/>
 
E inuiluppato cadde, et io ti credi<br/>
 
Li dissi di poter meco contendere<br/>
 
Sai pur ch’io non son putto come vedi.<br/>
 
''Ond’egli''</p>
 
 
 
|-
 
|
 
| <p>[p. 11]<br/>Ond’egli diße hor à te voglio cedere<br/>
 
Et al tuo sesso, ma non à tuo figlio<br/>
 
Ne meno à quelli che son del suo genere.<br/>
 
Cupido all’hor li volea dar di piglio<br/>
 
Et io li dißi non che è mio prigione,<br/>
 
Et cosi lo cauai d’vn tal periglio.<br/>
 
Onde di poi per tal occasione<br/>
 
Costui diuotamente m’hà seruito<br/>
 
Ponendo l’arte sua in obliuione.<br/>
 
Dunque Muse mie care s’hà fallito<br/>
 
Per questa volta vò gli perdoniate,<br/>
 
Et tanto più perch’egli n’è pentito.<br/>
 
Fatel vi prego, fatel se mi amate<br/>
 
Ch’io lo riceuerò per gran fauore<br/>
 
Et ne terrò memoria alle giornate.<br/>
 
Voglio che li facciate anco vn fauore<br/>
 
Che monti sopra il Pegaso Cauallo<br/>
 
Che far quest’arte ancor li dona il core.<br/>
 
Et vi aßicuro che non farà fallo<br/>
 
Sotto di lui che à tempo nol correga<br/>
 
Et poi l’aiuterà col suo interuallo.<br/>
 
Et in tal modo fatta fù la trega<br/>
 
Tra lui, e le Muse, et d’vn salto leggiero<br/>
 
Montò sopra il Caual che non si piega.<br/>
 
Ma pria vols veder come è douero<br/>
 
Se staua la sua briglia al proprio loco<br/>
 
Et se le cigne feano il suo douero.<br/>
 
''B 2 Marte''</p>
 
 
 
|-
 
|
 
| <p>[p. 12]<br/>Marte che volontier mira tal gioco<br/>
 
Gli mise di sua man gl’acuti sproni<br/>
 
Fatti, e temprati di Vulcano al foco,<br/>
 
Quai donati gli hauea perfetti, e buoni<br/>
 
Sua dolce amante, ch’al zoppo marito<br/>
 
Li hauea rubbati mentre facea i tuoni.<br/>
 
Cosi costui vedendosi fornito<br/>
 
Di ciò li fea mestier, ch’ancor Cupido<br/>
 
Per verga d’vn suo stral l’hauea seruito<br/>
 
Al cenno di colei che in Papho, e in Gnido<br/>
 
Era adorata, ch’ei sempre in eterno<br/>
 
L’hauria tenuto suo nemico infido<br/>
 
In ciò concorse anco il voler superno<br/>
 
Hauendo il nome d’vn suo figlio anch’esso<br/>
 
Et così questi due la pace ferno.<br/>
 
La qual poi fatta eßendosi d’appreßo<br/>
 
Ridutti in vn le Muse con li Dei<br/>
 
Dal lato destro in vn luogo rimeßo<br/>
 
All’hor Vener li disse hora se sei<br/>
 
Qual hò detto à costor facendo quanto<br/>
 
Dando principio à quel che tu far dei<br/>
 
Ond’ei per vbidir hauendo in tanto<br/>
 
Accomodate staffe, et i vestimenti<br/>
 
Si moße con l’andar suaue tanto.<br/>
 
Poi con passi eleuati, e più eminenti<br/>
 
Con un trotto disciolto, e con gagliardo<br/>
 
Galoppo, e al correr dietro laßa i venti.<br/>
 
''Indi''</p>
 
 
 
|-
 
|
 
| <p>[p. 13]<br/>Indi con salti fa vedere vn Pardo<br/>
 
Iusti agruppati, con i calci, ò senza<br/>
 
Facendolo parar leggiero ò tardo.<br/>
 
Et indi poi ch’à maneggiar comenza<br/>
 
Presto, et sicuro all’vna, et l’altra parte<br/>
 
Hor con la volta intiera, hor con la menza<br/>
 
Hor contra tempo, hor con tempo comparte.<br/>
 
Il mezo tempo, e à tempo le pesate<br/>
 
Con Capriol che ne stupisce Marte.<br/>
 
Et se tal volta fuor delle pedate<br/>
 
Per sorte scappa subito corretto<br/>
 
Iusto ne vien da contro speronate<br/>
 
[right edge: Le sei cosesono.<br/>
 
mano, voce, briglia, staffe, polpa, e speroni.]<br/>
 
Tal che l’animal docile è costretto<br/>
 
Sentendo anco l’aiuto della mano<br/>
 
Et d’altri cinque à giocar destro, e netto<br/>
 
Hor lo fa gir da vn lato con la mano<br/>
 
Destra se˜pre alta, et col sinistro sprone<br/>
 
A tempo il batte sino al cambiar mano.<br/>
 
Quale al sentir dello destro sprone<br/>
 
Subito vien ad alzar la man stanca<br/>
 
Verso doue si volta vdite come.<br/>
 
Inanzi indietro, à man dritta, à man manca<br/>
 
Lo fa si giusto andar piano, ò veloce<br/>
 
Hor basso, hor alto, che nulla le manca.<br/>
 
Poi si dispicca, et con voce più atroce<br/>
 
Lo fa leuar in aria à vn passo e vn salto<br/>
 
Con calci, ò senza ond’ei par più feroce.<br/>
 
''Indi''</p>
 
 
 
|-
 
|
 
| <p>[p. 14]<br/>Indi al galoppo lo fa gir pur alto<br/>
 
In giro tal dall’vna, et l’altra mano<br/>
 
Che lo fa rodoppiar di passo, et salto<br/>
 
Poi lo riduce cosi giusto, e piano<br/>
 
Che lo fa radoppiar, hor terra terra<br/>
 
Hor basso, hor alto à l’vna, e l’altra mano.<br/>
 
Ne pensate però che costui erra<br/>
 
In castigo, in aiuto, e à tempo ancora<br/>
 
Li fa carezze, et lo tien fermo in terra<br/>
 
Per farli racquistar tutte in vn hora<br/>
 
Le forze perse pel continuo moto<br/>
 
Li leua di sua mano il sudor fora.<br/>
 
Hora parendo à tutti eßerli noto<br/>
 
Il di costui valor lieti, e contenti<br/>
 
Li feron cenno ch’ei fermaße il moto.<br/>
 
Indi poi al mormorio con dolci accenti<br/>
 
Tutti tornaron verso la fontana<br/>
 
E al di costui smontar stauano intenti.<br/>
 
Quale arriuato con voce soprana<br/>
 
Diße; Signori, io son quel pouerello<br/>
 
Che sperso capitai à sta fontana.<br/>
 
Non più risposer tutti, tu sei quello<br/>
 
Ti cognosciamo tutte ad vna ad vna<br/>
 
E te accettiam per figlio, e per fratello.<br/>
 
E faremo per te fede ciascuna<br/>
 
A chi si sia, che lo voglia sapere,<br/>
 
Ch’vn’altro te non è sotto la luna.<br/>
 
''Per-''</p>
 
 
 
|-
 
|
 
| <p>[p. 15]<br/>Perche ambe due quest’arte poßedere
 
Ad altro fino à qui non habbiam visto
 
Et non crediam che si possa vedere.
 
Ma in vero tu ne fai si poco acquisto
 
Et si poco le stimi, e ne fai parte
 
Tanto ad vn buono, quanto che ad vn tristo.
 
Et perche tu non le insegni con arte
 
Come fan gl’altri, fingendo tal volta
 
Et bene speßo, non voglion pagarte.
 
Et cosi di arricchir la via t’è tolta,
 
Et sempre restarai vn poueretto
 
Vedi tua forza hormai ch’indietro è volta.
 
Rispose egli; cognosco con effetto
 
Eßer la verità più che non dite
 
E in ciò d’hauer il torto io mi rimetto.
 
Et dico per fuggir querele, e lite
 
Che sempre questa professione hò fatto
 
Di non prezzar ne Oro, ne Margarite.
 
E cosi liber son vissuto à fatto,
 
E tal spero morir, ne sono auaro,
 
Et godo di giocare à scacco matto
 
Più ch’altro gioco, et ho più presto à caro.
 
Di far seruitio ad altri, che riceuerlo,
 
Se bene speßo alle mie spese imparo.
 
Et se ben ciò par forte ad altri crederlo
 
A me poco m’importa chi m’el creda,
 
Et se piace ad alcuno io vò tacerlo;
 
''Basta''</p>
 
 
 
|-
 
|
 
| <p>[p. 16]<br/>Bastami sol che in cortesia non ceda
 
Ad alcun se ben cedo di ricchezza
 
A tanti, e tanti, et so d’onde proceda.
 
Lo vò pur dir chi la virtù non prezza
 
Meno la paga, et chi la stima poi
 
La vende non, ma dà per gentilezza.
 
Et di qui vien che molti tra di noi
 
Poco ne impara, et ci consuma gl’anni
 
E li danari, et se ne penton poi
 
Dunque Cupido rendimi i miei vanni
 
Accio possa io salir con l’opra
 
Doue occupan color sublimi scanni.
 
Et tu madre d’Amor Venere pia
 
Poi che son tuo prigion libero fammi
 
O fà men cruda la Padrona mia.
 
O tu del quinto Ciel tal forza dammi
 
Che senza vanni, et senz’altra padrona
 
Quieti meni al fin miei deboli anni,
 
Ne ti pensar giamai ch’io t’abbandona
 
Se ben debil à piè seguir non posso
 
Et men non hò chi Caualli mi dona.
 
Non mai sarò si vil d’animo, et scosso
 
Che con la mente sempre io non procura
 
Di farti far quanto più honore posso
 
Et se ben altri mie virtù non cura
 
Et io curerò men li lor denari
 
Et pur viurommi con mia sorte dura
 
''Fammi''</p>
 
 
 
|-
 
|
 
| <p>[p. 17]<br/>Fammi gratia Signor che quei che auari
 
Saran verso di mè se ben li insegno
 
Con tanta pura fè, che meno impari,
 
Vemp’è hormai di ridur mio scorso legno
 
Nel port, et di tramar l’ordita tela
 
Hauendo data la mia fè per pegno.
 
Acciò falso io non paia con la vela
 
Gonfia di falsi vengo à riparlare
 
Poi che non vi è più cosa che mel cela.
 
Dunque Muse vi hauete à ricordare
 
Ch’io interlaßando le botte di falso
 
Falso tutte m’hauete à dimandare
 
Dirouui dunque le botte di falso
 
Eßer dodici pur come di taglio
 
Qual è il contrario del suo proprio falso.
 
Fate così tutt’elle che di taglio
 
Principiando van sino al lor fine
 
Tornando indietro fian falso, è non taglio.
 
Chi meglio intender vuol l’orecchie inchine
 
Ch’io lo voglio mostrar piû chiaro, e aperto
 
Che son come la rosa in su le spine
 
Che dal man dritto sbiaßio con effetto
 
Deriua il falso di rouerso sbiaßio
 
Tornando per sua strada quest’è certo
 
Et parimente dal riuerso sbiaßio
 
Tornando pur per la medesma via
 
Ne vien ancor di dritto vn falso sbiaßio
 
''C Et''</p>
 
 
 
|-
 
|
 
| <p>[p. 18]<br/>Et per non farui lunga diceria
 
Col pugno fermo doue cala monta,
 
Et doue monta cala al loco pria
 
Hor mi resta il ferir sol di ponta
 
Ch’anch’egli dodici esser fia contato
 
Che in dui sol modi par che si raffronta
 
Col pugno chiuso, ò fermo, ò ver voltato
 
In dentro, in fuori, et trè s’en fan di dritto
 
Trè altre di rouerso al mio dettato
 
Vna da alto à basso, et gran profitto
 
Par ch’essa faccia, ma non riesce à ogn’vno
 
Io l’hò prouato, et però qui l’hò scritto
 
L’altra à mezz’aer vien vso communo
 
L’altra ne vien da basso in alto, et pare
 
Et è più presta, è commoda à ciascuno
 
Altre trè di rouerso si puon fare
 
Et l’vne, et l’altre di dentro, e di fuora
 
Ferme, et voltate à dodici arriuare.
 
Et di mia cortesia vò dirui ancora
 
Che sono botte trentasei com’odo
 
Con taglio, et falso, et con punta che fora.
 
Ne se ne posson fare in altro modo
 
Che non sian le medesime ch’hò detto
 
Se non voglion cacciar carote, à frodo.
 
Hora veniam vn poco più al ristretto
 
Dicendo qualche buono auertimento
 
Donde l’vtil si caua con effetto.
 
''Dando''</p>
 
 
 
|-
 
|
 
| <p>[p. 19]<br/>Dando principio con buon fondamento
 
Dico che quella botta è la megliore
 
Ch’è più commoda e presta, ò che argumento
 
Che soluer con ragion nullo autore
 
Mai la potrà; perche è cosi in effetto
 
Dunque tientelo à mente ò buon lettore.
 
Appresso questo vò, che sappi certo
 
Che dua son gl’auantaggi, che natura
 
Dona à ciascun, ma non già per suo merto.
 
Vn esser grande, et forte; al cui più cura,
 
Et più stimar si deue al mio parere
 
Perche col star di sopra più si dura,
 
Et anco questo fia commun parere
 
Che d’arme sola l’auantaggio sia
 
Di star di sopra, et quando anco si fere.
 
Ma d’arme accompagnate meglio fia
 
Lo star di sotto perche quella spada
 
Più presto del ferir troua la via
 
Non però à nullo nell’animo cada
 
Che solo basti hauer questi auantaggi
 
Dalla natura che senz’arte es nada
 
E in ciò quest’arte è tenuta da i saggi
 
Che sol sia il tempo, et questo tempo è solo
 
L’offender, et schifar li suoi disaggi
 
In questo l’huom si dee leuar à volo
 
Quanto più puote in alto col giuditio
 
Ne mai far altro essendo questo solo
 
''C 2 Da''</p>
 
 
 
|-
 
|
 
| <p>[p. 20]<br/>Da cui l’honor, et l’vtil hà l’initio
 
Essendo il resto vanità del mondo
 
Cioè guardie, e botte far senza giuditio.
 
Hora vi dico con parlar giocondo
 
Lasciate queste, e al tempo ritornate
 
Che di quest’arte vi può far fecondo.
 
E se tale essercitio punto amate
 
Mirate attentamente à i quattro errori
 
Che si fan dalle gente alle giornate
 
In alto, in basso son dentro, et di fuori
 
Come parmi di sopra hauer narrato
 
Ne in altro inuiluppate i vostri cuori,
 
S’il tempo d’alto in basso vi sia dato
 
Da alto tu lo douerai ferire
 
Se di basso alto, basso sia tarpato’.
 
Quando vn dentro di fuor vedrai venire
 
Falli di dentro la più presta offesa
 
Se di fuor dentro, fuor l’habbi à impedire
 
S’il vantaggio tu cerchi della presa
 
S’il nemico ti porge il destro lato
 
Valli adoßo col manco, et fia sospesa
 
La spada sua di sopra, et trauersato
 
Col manco piede tuo fia suo piè dritto
 
E’l arme tua in disotto, e al suo costato
 
[right edge: costato, o il fianco
 
destro del nemico.]
 
Hauendo prima con la manca dato
 
Di piglio à gl’elzi della spada sua
 
Acciò di tempo non si sia mutato
 
''Et se''</p>
 
 
 
|-
 
|
 
| <p>[p. 21]<br/>E se per caso fesse vn passo, ò dua
 
In dietro, non mancar di seguitarlo
 
Acciò pur resti nè vantaggi tua.
 
Et se vorrai se ti gira fermarlo
 
Se va à man stanca, et tu sempre à man dritta,
 
E per contrario và sempre à incontrarlo
 
Quando si offende dalla parte dritta
 
Dentro si dice, all’hor vantaggio fia
 
A chi più alto hà il pugno, et chi ha deritta
 
La parte sua del taglio, et sopra stia
 
Voltata verso della punta aduersa
 
Ma che la punta alla sua spalla stia.
 
Quando di fuor l’offesa sia rouersa
 
L’avantaggio sarà il pugno più basso
 
Col detto modo, et non fia spesa persa.
 
Stiasi auertito nel mutar il paßo
 
O l’vno, ò l’altro à l’innanzi, ò à l’indietro
 
Ch’in dentro, ò in fuori si puo far fracaßo.
 
Se arriui, ò non quest’è vn bel secreto
 
Ch’importa aßai per non tirar in in vano,
 
S’arriui mena, et stà col paßo cheto.
 
Pon cura ancora al volger della mano
 
A tutti quattro i sopradeti modi,
 
E al steso braccio non fia il tempo in vano.
 
Queste son verità, non sono frodi;
 
Perche le frodi son come le finte
 
Che nuocono, e non giouano come odi
 
''Et se''</p>
 
 
 
|-
 
|
 
| <p>[p. 22]<br/>Et se darai alle tue botte spinte
 
Di taglio, falso, ò ponta, et sia di dritto
 
Alta la stanca al viso che stia in te,
 
Se di riuerso fia il colpo prescritto.
 
Fa che distesa sia la tua man manca
 
Verso il nemico à cui fia gran dispitto
 
Quest’anco oßeruarai s’in la man stanca
 
Terrete altre armi da difesa, ò offesa
 
Perche l’habito buon cresce, e non manca
 
Et chi volesse ancor pigliar contesa
 
Con vn Mancino, fuor deue star sempre
 
Sopra con l’armi tue che è buona spesa.
 
Ma vno poi che non voleße sempre
 
Star aspettando, che si facci errore
 
Deue mutando voglie mutar tempre
 
Deue auertir se fa con vn ch’hà core,
 
S’è vile, ò sà, ò non sà così proceda
 
Cauto, e reprima, et soffra il suo valore.
 
Et stia alla lerta, quando che si veda
 
Menar con furia, et ben presto la mano
 
Fermo con la difesa, ò che li ceda
 
Sempre col suo auantaggio, et se lontano
 
Sempre all’indietro andaße, ouer da vn lato
 
Et tu lo segui sempre destro, e piano.
 
Sin tanto ch’vna volta fia incappato
 
In vno delli error fatti d’appreßo
 
Con taglio falso, ò punta li haurai dato.
 
''Et''</p>
 
 
 
|-
 
|
 
| <p>[p. 23]<br/>Et se si ferma poi, et si fia meßo
 
O alto, ò baßo in modo strauagante
 
Non ti smarrir, che tel vò dire adeßo.
 
Proceder non si deue come auante
 
Che si chiama di tempo volontario
 
Detto da presi error che li fa innante.
 
Procederai di tempo neceßario
 
Qual con giuditio aßai molto maturo
 
Fà far per forza errore all’auuersario
 
Proceder d’esto tempo è più securo
 
Se bene è più difficile in effetto
 
Che star bisogna patiente, e duro.
 
E tentar il nemico circunspetto
 
Da tutti i lati, et se l’offesa prima
 
Fai, alla difesa subito t’aspetto
 
In questo tempo si fa molta stima
 
Del dritto, e del rouerso stramazzone
 
Per pigliar gl’auantaggi detti in prima
 
Bisogna anco che sappi con ragione
 
Qual sia la parte forte della spada
 
Et qual la fiacca sia per paragone
 
Te lo vò dir per non tenerti à bada
 
Dal mezzo in ver la punta il debil fia,
 
Più verso il pugno il forte par che vada;
 
E se vuoi fare alla mia fantasia
 
Nelle offese, et difese che farai
 
Fa che col forte sempre fatte sia
 
''E co-''</p>
 
 
 
|-
 
|
 
| <p>[p. 24]<br/>E cosi stando accorto non potrai
 
Se non far bene, et habbi patienza
 
Se d’esto tempo proceder vorrai.
 
Hora Signori miei in conscienza,
 
Dite vi par ch’io habbi sodisfatto
 
Et s’è tal cosa datemi licenza.
 
Ch’io son spettato, e in segno tutti à vn tratto
 
Fate con le man cenno, et plaudete
 
Ch’anch’io n’andrò contento, et satisfatto
 
A ritrouar colei che voi sapete.
 
I L F I N E.</p>
 
 
 
|}
 
{{master end}}
 
 
 
{{master begin
 
  | title = Copyright and License Summary
 
  | width = 60em
 
}}
 
For further information, including transcription and translation notes, see the [[Talk:{{PAGENAME}}|discussion page]].
 
 
 
<section begin="sourcebox"/>{{sourcebox header}}
 
{{sourcebox
 
| work        = Images
 
| authors    =
 
| source link =
 
| source title=
 
| license    =
 
}}
 
{{sourcebox
 
| work        = Translation
 
| authors    =
 
| source link =
 
| source title= Wiktenauer
 
| license    =
 
}}
 
{{sourcebox
 
| work        = Transcription
 
| authors    = [[User:Stefan_Feichtinger]]
 
| source link =
 
| source title=
 
| license    = default
 
}}
 
{{sourcebox footer}}<section end="sourcebox"/>
 
{{master end}}
 
  
 
== Gallery ==
 
== Gallery ==
Line 821: Line 65:
 
{{sourcebox
 
{{sourcebox
 
  | work        = Transcription
 
  | work        = Transcription
  | authors    =  
+
  | authors    = [[user:Stefan Feichtinger|Stefan Feichtinger]]
 
  | source link =  
 
  | source link =  
 
  | source title= [[Index:Capitolo di M. Mercvrio Spetioli da Fermo (Mercurio Spezioli) 1577.pdf|Index:Capitolo di M. Mercvrio Spetioli da Fermo (Mercurio Spezioli)]]
 
  | source title= [[Index:Capitolo di M. Mercvrio Spetioli da Fermo (Mercurio Spezioli) 1577.pdf|Index:Capitolo di M. Mercvrio Spetioli da Fermo (Mercurio Spezioli)]]

Latest revision as of 23:28, 24 August 2020

Capitolo di M. Mercvrio Spetioli da Fermo
Chapter by Mr. Mercurio Spetioli of Fermo
Capitolo di M. Mercvrio Spetioli da Fermo.jpg
Full title Capitolo di M. Mercvrio Spetioli da Fermo, nel quale si mostra il modo di saper bene schermire, & caualcare
Author(s) Mercurio Spezioli
Dedicated to Giacobo Boncomagno, Marquis of Vignola
Place of origin Bologna, Italy
Language Italian
Genre(s) Fencing manual
Publisher Giovanni Rossi
Publication date 1577
Pages 24
Treatise scans Digital scans (1577)

Capitolo di M. Mercvrio Spetioli da Fermo, nel quale si mostra il modo di saper bene schermire, & caualcare ("Chapter by Mr. Mercurio Spetioli of Fermo, which demonstrates the method of learning to fence well, and ride") is an Italian fencing manual written by Mercurio Spezioli and published in 1577. It treats the use of the side sword, both single and with secondary weapons, after the Bolognese fashion.

Publication History

Capitolo di M. Mercvrio Spetioli da Fermo was published in Bologna in 1577 by Giovanni Rossi.

Contents

Gallery

[Images available for import.]

Additional Resources

References

Copyright and License Summary

For further information, including transcription and translation notes, see the discussion page.

Work Author(s) Source License
Images Capitolo di M. Mercvrio Spetioli da Fermo
Public Domain.png
Transcription Stefan Feichtinger Index:Capitolo di M. Mercvrio Spetioli da Fermo (Mercurio Spezioli)
CCBYSA30.png