Wiktenauer logo.png

Difference between revisions of "Page:L’arte di ben maneggiare la spada (Francesco Fernando Alfieri) 1653.pdf/191"

From Wiktenauer
Jump to navigation Jump to search
 
Page body (to be transcluded):Page body (to be transcluded):
Line 1: Line 1:
'''''DELL'ARTE INTORNO ALL'OPERARE con lo Spadone.'''''
+
''DELL'ARTE INTORNO ALL'OPERARE con lo Spadone.''
  
 
''Cap. II.''
 
''Cap. II.''
  
 
'''I'''N quest'arte si considera la Teorica, e la Pratica; la Teorica è il modo, come noi dobbiamo operare con l'armi in mano contra il nimico, e come si deve caminar co' piedi, e portare le braccia, e ancora sapere tirare i colpi, che impariamo in varie, e diverse maniere, che servono, e per offendere, e per difendere, si com'è il dare de' dritti, e di roversi tondi, e fendenti, montanti, stramazzoni, sgualembri, far sbaragli, e ruote, molinelli, cambiamenti di corpo, e tirare punte, e tagli in varie, e diverse guise, e come portate, slanciate, girate da una parte, e l'altra stando, andando avanti, e ritirandosi, in molti modi, che l'arte insegna, e con questo esercitio, e studio si accresce l'ardire, per difendersi da i popoli pieni di sangue, litigiosi, pronti à far l'ingiurie; e chi ben sa valersi di quest'artifitios'arma dello Spadone, può andare contra ogni arma nemica, per esser esso assai avantaggioso, e in ogni luogo l'huomo si può difendere
 
'''I'''N quest'arte si considera la Teorica, e la Pratica; la Teorica è il modo, come noi dobbiamo operare con l'armi in mano contra il nimico, e come si deve caminar co' piedi, e portare le braccia, e ancora sapere tirare i colpi, che impariamo in varie, e diverse maniere, che servono, e per offendere, e per difendere, si com'è il dare de' dritti, e di roversi tondi, e fendenti, montanti, stramazzoni, sgualembri, far sbaragli, e ruote, molinelli, cambiamenti di corpo, e tirare punte, e tagli in varie, e diverse guise, e come portate, slanciate, girate da una parte, e l'altra stando, andando avanti, e ritirandosi, in molti modi, che l'arte insegna, e con questo esercitio, e studio si accresce l'ardire, per difendersi da i popoli pieni di sangue, litigiosi, pronti à far l'ingiurie; e chi ben sa valersi di quest'artifitios'arma dello Spadone, può andare contra ogni arma nemica, per esser esso assai avantaggioso, e in ogni luogo l'huomo si può difendere

Latest revision as of 20:48, 30 July 2020

This page has been proofread, but needs to be validated.

DELL'ARTE INTORNO ALL'OPERARE con lo Spadone.

Cap. II.

IN quest'arte si considera la Teorica, e la Pratica; la Teorica è il modo, come noi dobbiamo operare con l'armi in mano contra il nimico, e come si deve caminar co' piedi, e portare le braccia, e ancora sapere tirare i colpi, che impariamo in varie, e diverse maniere, che servono, e per offendere, e per difendere, si com'è il dare de' dritti, e di roversi tondi, e fendenti, montanti, stramazzoni, sgualembri, far sbaragli, e ruote, molinelli, cambiamenti di corpo, e tirare punte, e tagli in varie, e diverse guise, e come portate, slanciate, girate da una parte, e l'altra stando, andando avanti, e ritirandosi, in molti modi, che l'arte insegna, e con questo esercitio, e studio si accresce l'ardire, per difendersi da i popoli pieni di sangue, litigiosi, pronti à far l'ingiurie; e chi ben sa valersi di quest'artifitios'arma dello Spadone, può andare contra ogni arma nemica, per esser esso assai avantaggioso, e in ogni luogo l'huomo si può difendere