Wiktenauer logo.png

Difference between revisions of "Page:Regole di molti cavagliereschi essercitii (Federico Ghisliero) 1587.pdf/9"

From Wiktenauer
Jump to navigation Jump to search
(→‎Not proofread: Created page with "Al Serenissimo Sig. Ranuccio Farnese Principe di Parma, et Piacenza, &c. La gratia, Serenissimo Signoro; che V. A. s’e degnata a di farmi col servir si di me nell’occasi...")
 
 
(4 intermediate revisions by 2 users not shown)
Page body (to be transcluded):Page body (to be transcluded):
Line 1: Line 1:
Al Serenissimo Sig.  
+
'''AL SERENISSIMO SIG. RANVCCIO FARNESE''' PRINCIPE DI PARMA, ET PIACENZA. &c.
Ranuccio Farnese
 
Principe di Parma, et Piacenza, &c.
 
  
La gratia, Serenissimo Signoro; che V. A. s’e degnata a di farmi col servir si di me nell’occasione del giocar d’armi, m’ha ricordato, che ‘essermi adoperato solo con la persona nella medesima occasione sia stato poco; & che percio mio debito fosse di fare una raccolta, quasi in compendio, di tutto quello, cosi circa la Theorica, come circa la Prattica, ch’io col mostrare in parole, & con l‘operare con la persona, mi sono affaticato volontieri, per ubbidire a lei, d’esplicarle. Et questo ho fatto non per credermi o di saper perfettamente la professione del-
+
'''L'''''A gratia, Serenissimo Signoro; che V{{dec|u|ostra}} A{{dec|u|ltezza}} s’e degnata a di farmi col servir si di me nell’occasione del giocar d’armi, m’ha ricordato, che ‘essermi adoperato solo con la persona nella medesima occasione sia stato poco; & che percio mio debito fosse di fare una raccolta, quasi in compendio, di tutto quello, cosi circa la Theorica, come circa la Prattica, ch’io col mostrare in parole, & con l‘operare con la persona, mi sono affaticato volontieri, per ubbidire a lei, d’esplicarle. Et questo ho fatto non per credermi o di saper perfettamente la professione <sub>del-</sub>''

Latest revision as of 19:31, 16 June 2020

This page needs to be proofread.

AL SERENISSIMO SIG. RANVCCIO FARNESE PRINCIPE DI PARMA, ET PIACENZA. &c.

LA gratia, Serenissimo Signoro; che Vostra Altezza s’e degnata a di farmi col servir si di me nell’occasione del giocar d’armi, m’ha ricordato, che ‘essermi adoperato solo con la persona nella medesima occasione sia stato poco; & che percio mio debito fosse di fare una raccolta, quasi in compendio, di tutto quello, cosi circa la Theorica, come circa la Prattica, ch’io col mostrare in parole, & con l‘operare con la persona, mi sono affaticato volontieri, per ubbidire a lei, d’esplicarle. Et questo ho fatto non per credermi o di saper perfettamente la professione del-