Wiktenauer logo.png

Page:MS Ludwig XV 13 31r.jpg

From Wiktenauer
Jump to: navigation, search
This page contains changes which are not marked for translation.

This page needs to be proofread.

Questi sono tre compagni che voleno alcider questo magistro che aspetta cum la spada a doy mane. Lo primo di questi tre vole lanzare la sua spada contra lo magistro. Lo segondo vole ferire lo detto magistro d'taglio o de punta. Lo terzo vole lanzare doy lanze ch'ello à aparechiado come qui depento.

Io 'spetto questi tre in tal posta, zoè in dente di zengiaro e in altre guardie poria 'spettare, zoè in posta de donna la senestra, anchora in posta di finestra sinestra, cum quello modo, e deffesa che farò in dente di zenghiaro. Tal modo è tal deffesa le ditte guardie debian fare. Senza paura io 'spetto uno a uno, e non posso fallire nè taglio nè punta nè arma manuale che mi sia lanzada, lo pe' dricto ch'i ò denançi acresco fora de strada, e cum lo pe' stancho passo ala traversa del arma che me incontra rebatendola in parte riversa. E per questo modo fazo mia deffesa, fatta la coverta subito farò l'offesa.

Questo magistro 'spetta questi doi cum le lor lanze, lo primo vol trar cum la punta sopra man, e l'altro vol trare sotto man questo si vede. Lo magistro che aspetta cum lo bastone e cum la daga quando uno di questi gli vol trare cum sua lanza lo magistro piega lo baston inverso parte dritta zoè quasi in tutta porta di ferro voltando la persona non amovendo gli pie' nè lo baston di terra. E rimane lo magistro in guardia. E come uno di questi tra' ello rebatte la sua lanza cum lo bastone e cum la daga s'ello bisogna a man stancha e cum quello rebatter ello passa e fieri. E questa è la sua deffesa come troverete dredo questi doi d'lanze.

Eramo ambidoi disposti d'ferire questo magistro ma segondo lo so ditto non poremo far niente. Salvo se noy no l'inganamo per questo modo zoè noi volteremo gli ferri de le lanze di dredo e traremo cum lo pedale de la lanza. E quando ello rebatterà lo pedale d'la lanza noy volteremo nostre lanze e feriremolo de l'altra parte cum gli ferri d'le lanze. E questo sarà lo suo contrario.