Wiktenauer logo.png

Page:Scienza d’Arme (Salvator Fabris) 1606.pdf/130

From Wiktenauer
Jump to navigation Jump to search
This page contains changes which are not marked for translation.

This page needs to be proofread.

VNA SECONDA SARA QVEST’ ALTRA, CHE FERISCE CONTRA una quarta, quale potria essere successa dal ritrouarsi ciascuno de’ dui combattenti in terza, & dall’ hauere il ferittore fatta una apertura nel meggio dell’ armi allargando la punta della spada, con tenere ferma la mano di essa spada, & anco il pugnale, & dall’ essere l’ altro in quello proprio tempo andato à ferire in quel meggio per il debile di essa nimica, non accorgerdosi di trouarsi in misura larga, & che l’auerssario suo non hauea mosso li piedi, & che perciò non poteua ariuare prima, che non fosse finito quel moto, che ’l detto auerssario hauea fatto, & per tanto essere restato ferito, perche il ferittore, che li hauea data tale occasione uedendolo uenire si è mutato di terza in seconda uoltando la prospettiua del corpo, & appoggiando il pugnale sopra la nimica, hà parato con auanzare il destro piede inanzi, & così l’ hà ferito in quello scoperto fatto nelo stendersi; può anco essere nata tale ferita, perche il detto ferito si sia trouato in terza, & il ferittore all’hora in seconda, ilquale habbia fatta una finta sopra il pugnale dell’ auerssario, ilquale ingannato da ciò habbia uoluto parare, & ferire di quarta nel petto, mentre che l’ altro ueniua, & che esso ferittore, quale haueua il pugnale fermo habbia parato, cauata la punta disotto per fuori dei braccio del nimico pugnale, & per questa uia habbia fatta la detta ferita nella sinistra parte, mà sia stata ò per l’ una, ò per l’ altra certo è che tutto è auenuto per la disggiontione dell’ armi che se il detto ferito si fosse mosso unito, aben che non hauesse ferito saria nondimeno restato diffeso nell’ uno, & nell’ altro luogo. 84.