Wiktenauer logo.png

Page:Scienza d’Arme (Salvator Fabris) 1606.pdf/22

From Wiktenauer
Jump to navigation Jump to search
This page contains changes which are not marked for translation.

This page needs to be proofread.

trouarsi in cõtrapostura, perche quãto al detto nimico, essendo si prima mosso, è chiara cosa, che non potrà parare, & ferire se non con dui tempi, talche la botta sarà finità prima, che egli habbia parato, & si potrà rompere di misura prima, che egli pure habbia ferito si come è chiaro ancora, che esso non potra rompere di misura come haurebbe potuto se fosse stato fermo del piede. E buono anco tal hor abattere il nimico in questa misura, anco che esso nõ si mouadel piede, la raggione è che se egli darà tẽpo senza auedersene li soprariuà quello che non aspetta per non hauere saputo conoscere di hauere data occasione di essere ferito, & percio non è potuto essere à tempo ne à parare, ne à rompere di misura. Mà in questo luogo si deue auertire, che alcuna uolta si trouano alcuni iquali astutamente fanno tempo acciò si uada a ferirer, & nel medesimo tempo, che si uà essi hanno parato, & ferito, questo si chiama ferire di contratempo, & ciascuna uolta, che si restara ferito, ò si ferirà nel punto che l’auersario sistende per ferire si adimandarà ferire di contratempo, & alcuna uolta similmente occore, che tutti dui restano feriti in un’istesso punto, ciò procede da quello, ilquale non hà preso ben il contratempo, ouero, che quando hà dato il tempo era in troppa angusta misura ò che ha fatto troppo grande il motto; uolendo dunque fuggire il pericolo di questo contratempo sà di mestiere conoscere se il moto inanzi che si faccia, sia tanto grande, che si possi auicinare, & anco se il nimico sia mosso insidiosamente, perche si uada à ferire, che in questo caso, ò non bisogno andare, ouero, uolendo ferire, si deue portare la spada per quello scoperto fatto dal detto nimico, ilquale mentre si moue per fare il contratempo, si deue all’hora mutare l’effetto nel secondo scoperto che farà nel ferire di detto contratempo sfuggendo col corpo la punta nimica, che in questa forma l’inganno procurato da lui contra altri farà stato esequito contra di se medesimo, & in uero questa scienza non è altro che sapere con sotilità ingannare il suo auerssario. Ritrouandosi poi nella misura stretta si può all’hora ferire in ogni mouimento, & mutatione fatta dal nimico, per picciolo, che sia, pure che non sia rompendo di misura, perche se nel dare il tempo egli porta il piede indietro, uiene all’hora ad’allongarsi tanto quel tempo, nelquale si hà da ferire; che esso nimico hà molto agio di parare, & ferire. perche essendo stato egli il primo nel mouersi é anco il primo nel fenire del moto, cosa non gia riuscibile à lui se desse il tempo stando fermo & uolesse rompere di misura, mentre che si uà à ferirlo, che certo farebbe ariuato prima, che fosse uscito di misura, ne hauerebbe potuto parate, in modo che nõ e buono essere il primo à mouersi stando in questa misuta stretta se non dilongandosi, & deesi anco sapere, che in detta misura molte uolte si ferisse senza aspettare tempo per il solo uantaggio della contra postura, & perla cognitione del moto da farsi nel ferire, & di quello del nimico nel parare, & similmente per li scoperti, che tal hora sono grandi, & perciò indetta stretta misura si potià sempre ferire senza aspettare tempo, pur che si conosca hauere la punta si uicina al corpo nimico, che sia minore il tempo nelquale si hà da ferire, che quello nelquale l’altro hà da diffendersi, & perche si conosca ancora l’armi nimiche essere tanto lontane dalla spada, che spingendo inanzi si ueda chiaramente; che il detto nimico non la possa trouare se non nel forte, che all’hora la detta spada non potrà essere deuiata mà andarà dirittamente a ferire doue farà incaminata. Tutte queste raggioni seruiranno parimenti nella spada è pugnale, perche l’armi si tẽgòno più ritirate, si trouano più scoperti & più luoghi da potere ferire si che riusciranno benissimo, in modo che si è potuto ageuolmente comprendere quanto pericoloso sia l’auicinarsi nelle distanze disunito, & senza qualche uantaggio massime nella misura stretta, & anco si è ueduto come si piglino i tempi & i contratempi, come si inganni li uni, & li altri, & quale non può essere ingannato.