Wiktenauer logo.png

Page:Scienza d’Arme (Salvator Fabris) 1606.pdf/257

From Wiktenauer
Jump to navigation Jump to search
This page contains changes which are not marked for translation.

This page needs to be proofread.

MA LA LOTTA, CHE SEGVE, LAQVALE HA FERITO IL NImico nel petto può essere successa dall’ hauere quello che hà ferito, finto di ferire di terza di dentro, & dall’ essere l’ altro andato à parare, che però il primo habbia cauato di seconda inanzi che ’l nimico li habbia toccata la spada, & habbia appoggiata la sinistra mano al proprio finimento per maggior fortezza acciò il detto nimico non la possi rispingere, & essere passato del piè manco di dietro al piè destro del nimico, & feritolo nel petto, mettendoli la mano, che era al finimento alla riuersa nella gola, & con spingerlo indietro lo faccia stare per cadere in terra. Può similmente essere, che quello che è ferito sia andato à ritrouare la nimica di fuori con la terza, & il detto nimico habbia cauato di quarta, & perciò esso ferito habbia uoluto parare, nel qual tempo il ferittore cedendo con la punta alla sforza auersa sia montato col pomo della spada sopra quella del medesimo ferito, & habbia girata la mano di quarta in seconda in modo, che sia passata sopra la detta nemica dalla parte di fuori, & nelo stesso punto sia ancora passato col piè manco, & fatta la ferita, & la lotta, che si uedono. 182.