Wiktenauer logo.png

Page:Scienza d’Arme (Salvator Fabris) 1606.pdf/88

From Wiktenauer
Jump to navigation Jump to search
This page contains changes which are not marked for translation.

This page needs to be proofread.

DEL TROVARE DI SPADA:

IL TROVARE DI SPADA, CHE SI FA CON LA SPADA, E pugnale è assai differente da qnello di spada sola, perche hora si occupai col pugnale, hora con la spada, & il più delle uolte con la spada è pugnale insieme. Quando, che la si occupa con la sola spada auiene perche il nimico la tiene tanto ritirata che l’ pugnale non ui può ariuare, & talhora anco non può l’ istessa spada penetrare inanzi per il pericolo del pugnale auerso, nondimeno basta in questo caso situarla in modo, che si chiuda quella uia doue guardia la nimica punta, & col forte in maniera tale che detta nimica punta non possi approssimarsi al corpo, che il debile non sia trouato col forte, il che suole impedire, & deuiare la nimica dal uenire in presenza, & si può anco nel uenire, che fà leuare la spada da quella diffesa, & andare à ferire mèttendo il pugnale, oue prima si haueua la spada, che benissimo si diffenderà, & si hauerà deluso il nimico, ilquale uerisimilmente doueua credere, che si uolesse parare con la spada, & facilmente seli guastarà alcuno disegno. Questo è un buon modo da usare quando la nimica è ritirata, perche non si deue andare tanto oltre con la spada, che la se perda, ne meno uiha da andare il pugnale, perche alcuni sono, i quali uedendo il pugnale nimico lo battono col suo, & uanno à ferire, & pero questo andare tanto inanzi porta molto pericolo, oltre che quando si lascia scorrere tanto oltre, il pugnale è ingannato facilissimamente dalle finte, & mouimenti della nimica, che lo fanno disordinare, mà se la detta nimica sarà auanzata non ui sarà tanto pericolo anzi, che ageuolmente si potrà andare à trouarla con il pugnale, quando che si saprà con giusto modo operare, perche non si dee portare tanto alto, che peruenendo alla nimica si habbia da abbassarlo, ne tanto basso, che sia di mestieri alzarlo, ne meno si dee fare alcun moto nelo ariuare alla punta nimica perche anco che l’ fosse picciolo, sarebbe oportuno da ferire per il nimico, ò da sturbarlo almeno, & non saria insomma senza pericolo; Mà si hà da situare esso pugnale con la punta nella medesima linea della nimica, acciò giongendosi ad’ essa punta il pugnale l’ habbia aquistata senza fare altro moto con esso, & se la linea della detta nimica fosse un poco bassa si dee cominciare ancor col pugnale in questa bassezza, mà uolendo essere sicuro bisogna che l’ corpo si abbassi proportionabilmente, & in modo, che si conosca, che quando ben’ anco il nimico cauasse si potesse facilmente parare senza alzare il braccio perche quando si alzasse il nimico potrebbe ingannare con fingere di cauare, & rimettere, doue si restarebbe ferito senza potersi diffendere, mà tenendo stabile il braccio di esso pugnale facilmente si diffenderebbe l’ una, & l’ altra parte, di modo, che chi saprà tenere la giusta regola potrà andare à trouare la nimica ouunque si sia, pure, che essa nimica sia tanto inanzi auanzata, che sia più longa del suo pugnale, che quando fosse più ritirata sarebbe errore perche oltre le sopra mostrate raggioni si andaria à pericolo di scorrere in troppa stretta misura prima, che si trouasse la punta di detta nimica, doue si restarebbe ferito, come anco quando la fosse troppo bassa uerso terra, nelquale caso saria meglio coprirla con la spada affine che esso auerssario non potelo cauarla dalla parte del pugnale, ò pure uolendola cauare fosse neccessitato cauarla dalla parte della spada per liberarla; Mà se si uolesse ferire bisognaria, nel fare detta coperta, hauere tenuto il pugnale fermo, perche così si haurebbe uoltata la spada di terza in seconda, & l’ huomo si saria approssimato con la mano di essa conggionta à quella del pugnale, & si saria chiuso quel meggio che poteua essere tra l’ una, & l’ altra arma, di modo che uenendo l’ istesso nimico la spada seli trouaria sempre col pugnale, ilquale non saria stato in altro moto,