Wiktenauer logo.png

Page:Scienza d’Arme (Salvator Fabris) 1606.pdf/15

From Wiktenauer
Jump to navigation Jump to search
This page contains changes which are not marked for translation.

This page needs to be proofread.

sempre è padrone di essa, & che se uà per farè un’effetto quale li uenga impedito dalo stesso nimico sà lasciare l’incominciato, & farne un altro; questo tale adunque ferirà nelo medesimo tempo, che l’auerssario l’haurà uoluto impedire, & senza deuiare la punta, ò ritirarla; potrà continouare sino al corpo del detto auerssario, perche l’ordine, che hà da tenete è che andando per ferire, ò per fingere di uolere cauare ò fare altra mutatione, mentre che hà cominciato adauicinarela punta verso il nimico, è necessario continouare sino che la peruiene al corpo, perche chi la uolesse trattenere affine di cauare, ò mutare effetto non ariuarebbe di tempo, & questo non si può osseruare da quello, che slancia, & percio si può benissimo comprendere la differenza, & tanto più che portandola ferma, & accompagnata dal piede, & dal corpo la spada hà maggior forza, maggior giustezza, & chi la porta è sempre più padrone di essa non facendo caduta alcuna doppo che hà ferito, talmente che non occore fare altro doppo ferito se non di ritirare il piede, se non si fosse passato, per dilongare il corpo, & per ritornare di nouo all’aquisto della nimica spada, & in caso che il detto nimico, in quello ritirarsi, seguittasse per ferire, ò auicinarsi, si può ritornare à ferire con la diffesa insieme, & tutto per la unione in che si troua di spada, piedi, & corpo, laquale osseruatione se nel sopra scrittò modo sarà usata, il parare sarà sicuro, si come nelle raggioni de’ dui tempi è falso, come à suo luogo anco meglio s’intenderà.

DISCORSO SOPRA IL FERIRE DI TAGLIO Per sapere quanti siano, & in quante maniere siu sino, la natura di eßi, qual modo sia megliore, & se sia meglio ferire di taglio, ò di punta. Cap. 7.

LI PRINCIPALI TAGLI SONO QVATTRO, IQVALI si adoprano diuersamente, & uanno à ferire in diuerso luogo, come si uedrà per una figura, che farà qui indietro contutti i nomi loro, iquali deriuano da questi quattro principali, cio è mandiritto, rouerso, sotto mano, & montante, uengono questi tagli usati in uario modo, perche alcuno litira con la spalla, altri col combito, altri col nodo della mano, & altri pure con la spalla, mà col braccio disteso, & duro con tenere sempre la punta della spada diritta contra il nimico, il primo tirato con la spalla che è quello perapunto quando si alza il braccio, & si fà ungran giro della spada per ferire con forza maggiore è il più cattiuo di tutti per la sua troppa tardità, & perche si può facilmente essere ferito nel cominciare à leuare detto braccio, nel cadere, & doppo l’ essere caduto, perche non essendo sostenuto dall’arme, ò dal corpo nimico la spada passa sin dietro la schiena, che non può essere tenuta, ouero che se si tira deritto allo ingiù uà à ferire in terra con pericolo di rompersi, mà auenga quale si voglia delle due cose si perde tanto tempo che l’auerssario può ageuolmente ferire: Il secondo modo, ilquale si fà col combito ancor esso porta la mano fuoridi presenza si nell’alzare, come nel callare quando la uà uuota,talmente che anco con questo secondo si può rimanere ferito mànõ tanto facilmente, perche la spada non fà quel giro si grande, ne il braccio fà tanto scoperto in alzare, ne meno la detta spada trasporta tanto in cadere & perciò per