Wiktenauer logo.png

Page:Pisani-Dossi MS 02a.jpg

From Wiktenauer
Jump to: navigation, search
This page contains changes which are not marked for translation.

This page has been proofread, but needs to be validated.

[1]Incipit liber duellandi et dimicandi et uocatur Flos duellatorum in armis sine armis equester et pedester conpositus per me florium de liberis de cividato austrie aquilegensis diocesis quondam domini benedicti de nobilti prosapia liberorum natus.

FLORIUS foroiuliensis de liberis de ciuidato austrie aquilegensis diocesis, quondam domini benedicti progenitus, cunctis ludo armorum intendere uolentibus pedestribus sceu equitibus salutem in domino et optatorum prosperum euentum. Cum a primordio iuuentutis appetitu naturali ad belicosos actus fuerim inclinatus, me monuit per processum etatis industria ad plurima huius artis ingenia capescenda, uelut ensis lançee dagardi nec minus brachii ludendi pedester vel equester: quorum omnium deo dante plenariam notitiam sum adeptus expertorum magistrorum exemplis multifariis et doctrina ytalicorum ac alamanorum et maxime a magistro johane dicto suueno, qui fuit scholaris magistri Nicholai de toblem mexinensis diocesis, ac etiam a pluribus principibus ducibus marchionibus et comitibus et ab aliis innumerabilibus et diuerssis locis et prouinciis. Jam uero declinante huius exercicii proposito, ne forte tantum milicie iochalle negligenter deperiret, quod equidem in gueris uel alio quolibet tumultu peritis uiris prestantissimum subsidium elargitur, disposui librum conponere prelibate artis utilliora concernentem, uarias in eo pingendo figuras et exemplo ponendo; quibus inuasionum modis defensionum ue pariter et astutiis uti possit inspesserit, armiger siue pugil. Quicunque ergo generosi animi hoc nostrum opus quoddam quasi thesaurum dilligat et recondat, ne quando inter rurales nullatenus propaletur: ipsos enim obtusi senssus et agilitati ineptos ac ut iumenta oneribus applicandos cellum generauit. Quapropter ab hoc precioso archano censeo reppellendos et per opositum ad ipsum comitandos reges duces principes et barones, ceteros denique curiales et alios habiles in duello iuxta illud: " Imperatoriam mayestatem non sollum armis decoratam " etc. Nec quisquis in volumine presenti falssam rem aut errorem non permisctum credat opositum; quoniam ambigua resecando, sollummodo uisa et a me probata et inuenta describuntur. Incipiamus itaque intencionem nostram exponere cum omnipotentis auxilio, cuius nomen sit benedictum et collaudatum in seculla. Amen.

Alter Prologus

DE mille quatrocento e noue a dì X de lo mese de febraro fo principiada de mi fior furlano dei liberi de Ciuidal d'ostria che fo de meser benedecto de la casada dei liberi da premergiago aquesta glosa la qual tracta in facto de armiçar e de conbatere a corpo a corpo: zoè lança açça spada e daga e abrazare a pe e a cauallo in arme e sença arme e d' altre cosse che apertene ad armeçar. E de tute queste cosse noy faremo li remedij e li contrarij, si che un siguirà l'altro. E questa presente glosa reciterà tuto nostro sauer e nostra intencione de tuto quello che noy auemo ueçudo de multi magistri e scholari e armeçaduri e duchi principi marchesi conti chaualieri e schuderi e de altri innumerabilli homeni de diuersse prouincie e anchora cosse trouade da noy: anchora serano guardie de tute arme e zoghi e couerte e feride e prese e ligadure e roture e dislogadure de braçi e gambe e torsion e lesion e in li lochi più perigolusi, segondo che lo maysterio de questa arte uolle; chè male se pò tener a mente sença libri e scriptura sì longissima arte e non serà çamay nesun bon scholar sença libri: guarda como porà essere bon magistro; chè io predito fior ò ueçudo mille chiamati magistri che non sono de tuti loro quatro boni scholari e de quilli quatro boni scholari non seria uno bon magistro. La qual supradita glosa è fata cum tuto lo nostro sauer sopra uno libro isturiado de figure depento sopra lo qualle andarano aqueste glose e rubriche de numero in numero.

E le dicte figure dipente serano diuisade; cum zò sia cossa che li magistri che comenzano lor çoghi portarano per insegna una corona d'oro in testa e li lor scholari che siguirano lor çoghi portarano una lista d'oro soto el zenochio e li magistri che serano contrarij de li altri magistri hauerano corona d'oro in testa e diuisa d'oro soto lo zenochio; e sopra ogni çogho la sua glosa, la qual sopradicta glosa e anchora lo libro istoriado de figure dipento è fato appeticione de lo Illustro et Excelso Meser Nicholò Signor Marchese de la cità de ferara e de la cità de modena e de parma e de reço citade. In la qual glosa parlaremo cum tuto nostro sauer. E prima diremo de abraçar a pe' e poy de li altre cosse de armiçar, segondo che uoy uederiti dipento e ordenato per lo dicto fior. E si començaremo a lo abraçar al nome de dio e de meser sant çorço bon chaualier. Lo abraçar uole vij cosse: zoè forteza presteza de pie' e de braci e prese auantaçade e roture e ligadure e percusion e lesion, segondo che uoij uederiti in le figure dipente; e masimamente in çoghi che se guadagnano le prese zaschun cum suo sauer e cum sua malitia. Chè zoghi che se piglia de concordia, le prese se fa d'amore e non da ira. E sopra l'arte de l'abraçar che se fa a guadagnar le prese tal uolta se fa da ira e alguna uolta per la uita e sono prese e zoghi che non se pò çugar de cortesia, anche sono çoghi pericolusi da çugar. E sopra quello tractaremo li çoghi auantaçadi e più forti e quilli che più besognano in arme che sença per più deffesa de lo homo e più segurtade e faremo sì che leçeramente se porano intendere per le parole scripte e per le figure dipente. E principiamo prima de abraçar a pe a guadagnar le prese e anchora prese facte de concordia. Poy serano .iiij. magistri incoronadi che serano magistri de la daga e de l'arte che apertene a la daga. Poy trouariti .iiij. cum septe spade adosso che àno a significar li vij colpi de la spada. Poy trouariti uno magistro contra .iii. scolari che fa el zogho de la spada d'una mane sença bucolero. Poy trouariti uno cum uno bastone et cum una daga ch'è magistro che fa contra uno che ha la lança. Poy trouariti uno altro magistro cum duy bastuni e cum una daga contra uno che ha una lança. Poy trouariti le guardie de la lança che sono vi magistri: li primi .iij. magistri çogano de parte drita, li altri tri che segueno zogano de parte stancha. Poy trouariti duy re cum due spade che spetano che illi sia lançade lançe e spade e spetano le proprie guardie che se deno aspetar. Poy trouariti duy per duy modi como se pò desferar uno che sia inferà cum una lança. Por trouariti uno homo cum septe spade adosso cum .iiij. figure intorno; e si se porà uedere zò che à a significar le dicte figure e le dicte spade. Poy trouariti vj magistri incoronadi cum .vj. spade e uno non porta la spada che fa l'altro e lì uederiti per che rasone una è diuisa da l'altra. Poy uederiti .xij. magistri incoronadi uno dredo l'altro, li quali magistri stano in le guardie de la spada. Poy trouariti duy magistri incrosadi che comença uno ferire de çogho largo in la golla del conpagno. Poy trouariti duy altri magistri incoronadi che hano tri zoghi de zogho largo. Poy trouariti uno altro magistro incoronado che ha dodexe scolari che fano soy zoghi e lo primo zogho si è lo colpo de lo uilano. Poy dredo de quisti .xij. zoghi trouariti uno contrario che mete la punta in lo uolto a lo conpagno. Poy trouariti ij magistri incoronadi che sono incrosadi a meça spada, li quali magistri pono far tuti li zoghi che segueno dredo infino che non se troua uno altro re e cussì pono far uno de quilli magistri aquilli zoghi l'uno como l'altro, segondo che l'uno ha più presteça de l'altro, saluo che tra quisti zoghi de quisti duy magistri incrosadi trouariti .v. magistri contrarij de li dicti duy magistri incrosadi che fano contra lor zoghi stricti e maximamente contra çascadun tor de spada e ualeno più in arme che sença, ben che sono boni in una arte e in l'altra, zoè in arme e sença. Poy trouariti uno magistro incoronado ch'è incrosado cum uno altro de parte riuerssa; e lì dredo serano soy duy çoghi. Poy trouariti uno magistro incoronado che fa uno contrario. Poy trouariti uno magistro che tiene uno soto lo braço per butarlo in terra cum tuta la spada. Poy trouariti quatro scolari che fano quatro tor de spada e lì finisse lo çogho de la spada a due mane. Poy trouariti .vj. magistri incoronadi armati cum spade in mano, li qualli magistri stano in lor guardie e una contra l'altra per uegner a le prese ali zoghi che segueno; li quali zoghi sono .x. Poy trouariti quatro magistri cum .iiij. aççe in guardia e una guardia contra l'altra, li qualli magistri pono far cinque zoghi ed altri zoghi che sono in lo çogho
  1. Per comodità di quegli studiosi di cose schermistiche che non avessero soverchia famigliarità con la grafia dei manoscritti antichi, abbiamo stimato opportuno far seguire alla riproduzione fototipica del cod. Pisani-Dossi, una trascrizione del testo, di cui ci siamo applicati a rispettare scrupolosamente la lezione, limitandoci ad introdurvi, per agevolarne l'intelligenza, i titoli delle singole parti e l'interpunzione moderna. Delle voci poi, che, vuoi per una vuoi per altra ragione, tornassero dubbie o addirittura incomprensibili alla comune de' lettori, s'è recata innanzi nelle Annotazioni lessicali, quante volte riuscì possibile, l'interpretazione.