Wiktenauer Compilations.png
Wiktenauer logo.png

Page:L’arte di ben maneggiare la spada (Francesco Fernando Alfieri) 1653.pdf/57

From Wiktenauer
Jump to: navigation, search
This page contains changes which are not marked for translation.

This page has been proofread, but needs to be validated.

restarà superiore, e questo avviene per la diversità delle nature, ò non osservate, ò non conosciute, e tal differenza si ritrova eziandio molto maggiore se la disparità delle nature, sia accompagnata colla disugguaglianza dell'arte, talche per se stesso è manifesto senza ch'io m'affadighi d'adurre altre ragioni, esser necessario, e il procurar di penetrar la natura del nemico, e la qualità del suo gioco, Si cognosce la Natura, col porsi fuori di misura, e considerando che resoluzione pigli l'avversario, Se pieno di animosità si muove ad assaltare, è iracondo, e questo lo manifestano gl'occhi turbati il color infocato, e vari movimenti incomposti, ed inquieti. Se aspetta, e se ne sta ristretto nella sua guardia fisso, senza battere gl'occhi sopra di te, e della Spada, sicuramente da questi segni si può far certa coniettura, che tal Huomo sia flemmatico, non ardito, ma prudente. Quanto all'arte, io parlo di quelli che sanno perche l'ignoranti si cognoscano senza molto speculare al toccar solo, che fanno della Spada. Due sono principalmente le differenze, con le quale si ferisce di piè fermo, ò di passata, e con altri movimenti. Il ferir di piè fermo, e di due maniere, La prima quando collo slongare del